Stiamo testando una Mercedes elettrica le quali può transitare 747 miglia a causa di una singola funzione

Mercedes-Benz Vision EQXX si nasconde dietro le piante in vaso
Aumento / C’è solo un Mercedes-Benz Vision EQXX, quindi era importante restituirlo in un unico pezzo.

Jonathan Gitlin

IMMENDINGEN, GERMANIA – Guidare la Mercedes-Benz Vision EQXX è stato un po’ più stressante di quanto mi aspettassi. Non che sia difficile da guidare o da vedere da una slitta ribassata, ma è anche l’unica. Mercedes non ci ha detto il budget esatto del programma, solo avvertendo che un singolo EQXX dovrebbe essere considerato inestimabile, ma suppongo che tre Bugatti Pur Sport..

Come la Bugatti, l’EQXX è stato costruito attorno a requisiti ingegneristici, in questo caso per creare un veicolo elettrico in grado di percorrere almeno 1.000 km con una singola carica. Come la Bugatti, è legale: nell’aprile di quest’anno, meno di due anni dopo il via libera al progetto, il Team EV ha percorso 625 miglia (1.006 km) da Sindelfingen, in Germania, a Cassis, in Francia. quando la carica della batteria è del 15 percento.

Due mesi dopo hanno proseguito con un giro più lungo e meno in discesa da Stoccarda, in Germania, al Silverstone Raceway nel Regno Unito, dove il campione in carica di Formula E Nyck de Vries ha quindi utilizzato la carica rimanente per eseguire diversi giri caldi e l’auto alla fine ha percorso 747 miglia (1.202 km) prima di fermarsi nella corsia dei box.

Ma non è una Bugatti e non c’è alcun piano per produrre un piccolo volume, anche a un prezzo strabiliante. La Vision EQXX è una concept car unica che prende vita, ma è più realizzata di qualsiasi altro concept che abbia mai incontrato. Puro esercizio di ingegneria o record mondiale non si preoccuperebbe di un sistema di infotainment funzionale che utilizza un singolo schermo da 44 pollici 8K o un interno completamente rifinito, anche se utilizza tessuto in fibra di cactus invece della pelle, tappeti in fibra di bambù e seta di derivazione biologica. , tra le altre innovazioni.

Nonostante la natura inestimabile di questa auto elettrica a bassa resistenza, Mercedes l’ha lasciata guidare da Ars.

È una forma drammatica, ma è conforme alle leggi dell'aerodinamica.
Aumento / È una forma drammatica, ma è conforme alle leggi dell’aerodinamica.

Jonathan Gitlin

Come puoi intuire dall’aspetto, la forma della Vision EQXX è più che ottimizzata per l’uso aerodinamico. Dopotutto, circa il 62 percento del lavoro del motore sta combattendo la resistenza dell’aria. È un’auto più piccola di quanto sembri dalle foto, circa un piede più corta dell’AKS di serie, che misura 195,9 pollici di lunghezza. E questo include il muso e la coda lunghi e sporgenti, quindi il passo della Vision EQXX è in realtà un compatto, corto 110,2 pollici (2.800 mm).

Una larghezza stretta di 73,6 pollici (1.870 mm) e una linea del tetto bassa di 53,1 pollici (1.348 mm) conferiscono all’auto un’area frontale relativamente piccola di 22,8 mq. ft. (2,12 m2) – e la regione frontale opera con un coefficiente di resistenza aerodinamica di soli 0,17 in questo caso, rendendola una delle auto meno resistenti mai realizzate.

Dal muso al montante C, potrebbe ricordarti la Porsche Taycan, una stessa cliente molto scivolosa. Le maniglie delle porte si ritraggono a filo con la porta, o almeno si ritraggono davanti; le porte posteriori non si aprono, una delle poche che dice che è davvero una concept car, non un’auto di serie.

Gli specchietti laterali hanno le dimensioni che ti aspetteresti su un’auto da corsa piuttosto che su un’auto targata, ma funzionano abbastanza bene. Questo è un bene perché non c’è il lunotto. Invece, questo spazio e il tetto vengono consegnati a un pannello solare da 300 W che alimenta la batteria da 12 V dell’auto, che, come la batteria di trazione, è anche agli ioni di litio. (Dal momento che l’unità inestimabile non sarà mai lasciata all’esterno per molto tempo, Mercedes non si è preoccupata di aggiungere ulteriori gubbins per consentire al pannello di caricare la batteria di trazione.)

Guardando indietro dalle ruote posteriori, non c’è molto altro, tranne forse un Lightyear Solo. Quando è parcheggiata, la coda inferiore si ritrae nel corpo e si apre quando il cervello dell’auto decide che è più efficiente farlo.

L'estensione posteriore può anche essere retratta se è necessario guidare su una rampa.
Aumento / L’estensione posteriore può anche essere retratta se è necessario guidare su una rampa.

Jonathan Gitlin

Leave a Comment