Steve Bannon dice a fine di rappresentare incline a dichiarare innanzi al del 6 gennaio giacché Trump ritira le sue pretese a fine di distinzione esecutivo

Bannon si è ribaltato dopo aver ricevuto una lettera dal suo ex Il presidente Donald Trump rifiuto privilegio esecutivosebbene sia il comitato ristretto della Camera che i pubblici ministeri federali insistono sul fatto che la rivendicazione del privilegio non ha mai dato carta bianca a Bannon per ignorare una citazione del Congresso.

“Quando sei stato citato in giudizio per la prima volta per testimoniare e produrre documenti, ho invocato il privilegio esecutivo. Ma ho visto te e altri trattati ingiustamente, dover spendere enormi somme di denaro in spese legali e tutti i traumi che devi affrontare. sopravvive per amore del suo Paese e rispetto per la carica di presidente”, ha scritto sabato Trump in una lettera a Bannon, ottenuta anche dalla CNN.

“Pertanto, se raggiungerai un accordo sull’ora e il luogo della tua testimonianza, rinuncerò al tuo privilegio esecutivo, che ti consente di entrare e testimoniare in modo equo e onesto”, ha aggiunto Trump, scagliandosi contro il comitato. Banditi e ladri”.

Bannon è stato incriminato per due accuse di disprezzo del Congresso l’anno scorso. Ha sostenuto di essere libero di ignorare la sua citazione dal Congresso per proteggere le pretese di privilegio di Trump. Ma i pubblici ministeri federali e altri esperti legali hanno sostenuto che il privilegio non si applicava a Bannon, che ha lasciato la sua apparizione alla Casa Bianca come capo stratega prima delle rivolte del Campidoglio, e non gli hanno dato l’autorità di rifiutarsi di fornire documenti o testimonianze. Comitato.

La squadra di Bannon ha fornito una nuova lettera di Trump al comitato del 6 gennaio durante la notte, insieme a una lettera dell’avvocato di Bannon, Bob Costello.

“Sebbene il signor Bannon fosse fermo nelle sue convinzioni, le circostanze ora sono cambiate”, ha scritto Costello. “Il signor Bannon vuole testimoniare alla sua udienza pubblica, e in realtà lo preferisce.”

La democratica della California Zoe Lofgren, partecipando al 6 gennaio nel panel, ha detto a Jake Tapper domenica allo “State of the Union” della CNN che il comitato non ha ancora avuto la possibilità di discutere la lettera di Bannon, ma “mi aspetto che lo sentiremo e abbiamo molte domande per lui”.

Ma Lofgren ha detto che la testimonianza pubblica di Bannon era improbabile, osservando che il comitato in genere fornisce testimonianze. “Va avanti ora per ora. Vogliamo ottenere una risposta a tutte le nostre domande e non puoi farlo in un formato live”, ha detto.

6 gennaio Il comitato era interessato a parlare con Bannon delle sue interazioni con Trump nel 2020. a dicembre, quando Bannon lo esortò a concentrarsi sul 6 gennaio. conferma dei risultati delle elezioni presidenziali. I membri del comitato hanno anche contestato i commenti di Bannon in vista della rivolta del Campidoglio, incluso un podcast del 5 gennaio in cui prevedeva: “Domani si scatenerà l’inferno”.

Bannon, che si è dichiarato non colpevole delle sue accuse di oltraggio, avrebbe dovuto comparire in tribunale il 18 luglio. Testimoniare non lo assolverà necessariamente dalle accuse di oltraggio, quindi non è chiaro come sarà influenzato il suo futuro processo se Bannon accetterà di testimoniare con la commissione. Lunedì dovrà presentarsi in tribunale per l’esame del suo caso.

Un portavoce della commissione non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento.

Questa storia è stata aggiornata con una reazione aggiuntiva.

Morgan Rimmer della CNN ha contribuito a questo rapporto.

Leave a Comment