Starbucks sta chiudendo 16 sedi a germe nel corso di problemi nel corso di decisione dei lavoratori

commentare

Starbucks sta chiudendo 16 negozi nelle città di tutto il paese per paura che i suoi clienti e dipendenti non siano sicuri, nonostante l’azienda si sia formata in abilità come l’attenuazione dei conflitti, la gestione di un tiratore attivo e il coinvolgimento della comunità e dei servizi di emergenza.

“Stiamo chiudendo negozi in alcune località che hanno subito molti incidenti difficili che rendono difficile creare un ambiente sicuro e accogliente”, ha detto un portavoce al Washington Post.

Sei sedi a Los Angeles, sei a Seattle e dintorni, due a Portland, Oregon, una a Philadelphia e un negozio Union Station a Washington, DC, hanno chiuso.

Morton e altri attivisti stanno offrendo denaro per le osservazioni di SCOTUS

Mentre una portavoce ha rifiutato di identificare gli incidenti specifici che hanno portato alla chiusura, lunedì i dirigenti di Starbucks hanno riconosciuto che i dipendenti hanno dovuto affrontare una serie di problemi, alcuni relativi all’uso di droghe, alla salute mentale e al razzismo nei quartieri in cui prestano servizio.

“Voi… vedete in prima persona le sfide che le nostre comunità devono affrontare: sicurezza personale, razzismo, mancanza di accesso all’assistenza sanitaria, crescente crisi di salute mentale, aumento del consumo di droghe e altro”, hanno scritto Debbie Stroud e Denise Nelson, entrambe vice presidenti. Operazioni statunitensi, a lettera ai dipendenti. “Sappiamo che queste sfide a volte possono verificarsi anche nei nostri negozi. Leggiamo ogni rapporto di incidente che invii, e questo è molto.

Hanno scritto che l’azienda potrebbe adottare misure come chiusura dei bagni – che di solito sono aperti al pubblico – o chiudono del tutto i negozi. I lavoratori colpiti avranno l’opportunità di essere trasferiti in località vicine, ha affermato la portavoce.

Starbucks afferma che può chiudere i bagni ai non clienti per motivi di sicurezza

Non è insolito per Starbucks chiudere e riaprire sedi, anche se il motivo di un numero così elevato di chiusure sembra essere una novità per l’azienda. Secondo il suo ultimo rapporto annuale, Starbucks gestisce 8.941 negozi negli Stati Uniti. Ha chiuso 424 sedi lo scorso anno finanziario, ma ne ha aperte 449 e trasferito 19 negozi nello stesso periodo.

Le due sedi di Seattle contrassegnate per la chiusura sono tra quelle recentemente fuse. Un altro dei 16, uno dei negozi di Portland, ha chiesto il voto sindacale. Secondo quanto riferito, gli sforzi per sindacalizzare i lavoratori di Starbucks era accettato in 133 negozi, iniziato l’anno scorso a Buffalo, nell’interesse dell’organizzazione dei lavoratori di molti settori.

Mentre Starbucks compete per i lavoratori, ha recentemente lanciato quella che il CEO Howard Shultz ha descritto come una “significativa reinvenzione dell’azienda”, anche se non è ancora chiaro come sarebbe questo rinnovamento. “Dobbiamo modernizzare e trasformare l’esperienza Starbucks nei nostri negozi e ricreare un ambiente che sia rilevante, accogliente e sicuro”, ha scritto. lettera ai lavoratori di lunedi.

La star di “Little Ones” James Cromwell mette la mano su un bancone di Starbucks

Leave a Comment