Ricky Martin nega le accuse in vessazione colf la ha emesso un disposizione condizionante

Ricky Martin ha negato tutte le accuse in un’ordinanza restrittiva per violenza domestica presentata contro di lui durante il fine settimana a Porto Rico.

Il cantante di “Livin’ La Vida Loca” ha smentito dopo che la polizia locale ha annunciato sabato che gli era stato emesso un ordine restrittivo per violenza domestica.

Altro da Scadenza

La denuncia è stata presentata ai sensi della legge 54, nota anche come legge sulla prevenzione e l’intervento della violenza domestica. L’Associated Press ha riferito che la polizia non ha potuto emettere un mandato per il cantante fino a venerdì perché non lo aveva raggiunto a quel punto.

“Confermiamo che la polizia di Porto Rico sta scontando un ordine di protezione emesso al signor Enrique Martín ai sensi della legge 54”, ha affermato la polizia in una nota.

Il portavoce della polizia Axel Valencia ha detto all’AP che l’ordine impedisce a Martin di contattare il denunciante e che un giudice deciderà in seguito se l’ordine deve rimanere in vigore. L’attore non è stato nominato.

“Le accuse contro Ricky Martin che hanno portato all’ordine di protezione sono completamente false e inventate”, hanno detto i rappresentanti di Martin alla rivista People. “Siamo molto fiduciosi che quando verranno fuori i fatti veri di questa questione, il nostro cliente Ricky Martin sarà completamente rivendicato”.

È stata una settimana tumultuosa per la star a volte definita il “Re del pop latino”. la sua ex manager, Rebecca Drucker, lo ha citato in giudizio per $ 3 milioni di commissioni non pagate. Drucker ha guidato Martin per due diversi periodi, dal 2014 al 2018 e poi dal 2020 al 2022. I suoi avvocati hanno presentato un documento a volte feroce di 15 pagine a sostegno della sua causa, aggiungendo: “Milioni di dollari sono stati fatti con Rebecca Martin e Rebecca ha commissioni sostanziali.

Il miglior termine

Iscrizione Newsletter a termine. Seguici per le ultime novità Facebook, Twittere Instagram.

Clicca qui per leggere l’articolo completo.

Leave a Comment