Pechino sta pianificando una tattica per dati a tre livelli come esimersi da il delisting degli Stati Uniti

La Cina sta preparando un sistema per raggruppare le società cinesi quotate negli Stati Uniti in base alla sensibilità dei dati in loro possesso, una possibile concessione di Pechino nel tentativo di impedire alle autorità di regolamentazione americane di rimuovere centinaia di gruppi dalla quotazione.

Il sistema è progettato per aiutare alcune società cinesi a conformarsi alle regole statunitensi che richiedono alle società statali di consentire alle autorità di regolamentazione di ispezionare i loro file di audit, secondo quattro persone a conoscenza della situazione.

Le società cinesi quotate negli Stati Uniti rientrerebbero in tre grandi categorie, hanno affermato due delle persone. I gruppi sarebbero aziende con dati sensibili, quelli con dati sensibili e altri con dati “segreti” che dovrebbero essere rimossi.

Una delle persone ha affermato che Pechino ha discusso se le società nella categoria “dati sensibili” potrebbero riorganizzare le proprie operazioni per conformarsi ai requisiti, incluso il trasferimento di informazioni a terzi.

Il sistema delle categorie sarebbe la seconda grande concessione di Pechino per rimuovere gli ostacoli agli audit completi degli Stati Uniti. Ad aprile lo è cambiato la regola del decennio che ha limitato le pratiche di condivisione dei dati delle società straniere.

Il piano, che è in discussione e soggetto a modifiche, segue mesi di negoziati tra Pechino e Washington sulla richiesta degli Stati Uniti che le società cinesi e i loro revisori dei conti presentino documenti di audit dettagliati entro il 2024 o rischiano il delisting.

Un delisting di massa rappresenterebbe un passo significativo verso il disaccoppiamento economico tra Stati Uniti e Cina, minacciando 1,3 miliardi di dollari. USD per valore per gli azionisti. Circa 260 delle più grandi società cinesi, tra cui il gruppo tecnologico Alibaba, la società di fast food Yum China e il sito di social media Weibo, potrebbero essere cancellate dalle borse di New York se non rispettano le regole.

La China Securities Regulatory Commission, il principale organismo di vigilanza sui titoli di Pechino, non ha rilasciato commenti.

Pechino ha generalmente resistito a consentire alle società cinesi di fornire dati alle autorità di regolamentazione straniere per motivi di sicurezza nazionale.

Ma secondo uno schema graduale, le società di dati “a basso rischio” potrebbero mettere i loro record di audit a disposizione del Corporate Accounting and Oversight Board, l’organismo di controllo della contabilità degli Stati Uniti, hanno affermato due delle persone. I rivenditori e le catene di ristoranti rientrerebbero probabilmente nella categoria a basso rischio.

“Tutto ciò che rientra nella categoria di Didi è chiaramente vietato”, ha affermato il capo di una grande società di investimento con sede a Hong Kong, riferendosi al gruppo di ride-hailing, che. è stato multato di oltre 1 miliardo Pechino la scorsa settimana per violazioni della sicurezza informatica.

I funzionari statunitensi sono scettici sul fatto che le aziende cinesi soddisferanno tutti gli standard di trasparenza richiesti dal Foreign Corporation Accountability Act del 2020. una legge che obbligava le società cinesi e di Hong Kong ad aprire i propri fascicoli di audit.

“Sebbene ci siano state discussioni in corso e produttive tra le autorità statunitensi e cinesi. . . Rimangono questioni importanti e il tempo stringe rapidamente”, ha affermato YJ Fischer, direttore dell’Ufficio per gli affari internazionali della SEC in un discorso di maggio.

Fischer ha affermato che un accordo per fornire l’accesso ai file di audit sarebbe “solo l’inizio”. I funzionari PCAOB sono inoltre tenuti a recarsi in Cina e condurre un audit di qualsiasi emittente cinese quotato negli Stati Uniti.

“Non so come riusciremo mai a risolvere questo problema”, ha detto un dirigente di una società di investimento. Ha aggiunto che Pechino e Washington stavano usando la disputa dell’audit per “guadagno politico” e che le relazioni erano al peggio in 40 anni.

“Come investitore, spero che entrambe le parti siano abbastanza pragmatiche.

L’avviso del PCAOB afferma che “deve avere pieno accesso ai documenti di lavoro di revisione di qualsiasi impresa scelga di ispezionare o indagare, senza scappatoie e senza eccezioni”.

Leave a Comment