Le “piramidali” nato da Stanford potrebbero somministrare una curva di l’grinta splendente

solarlensstanford.jpg

Ho fatto alcune ricerche di parole chiave diverse e non sono riuscito a trovarne alcuna menzione a livello locale. Mi scuso se è già stato coperto.

Sebbene i pannelli fotovoltaici abbiano un grande potenziale per fornire energia pulita, questo potenziale si realizza solo quando la luce solare colpisce direttamente le celle. Le installazioni solari spesso utilizzano motori di localizzazione per mantenere i pannelli il più vicino possibile alla perpendicolare al sole. Ciò rende questi sistemi più complessi dei soli pannelli del tetto e quindi più propensi a guastarsi.

Nina Vaidya e Olav Solgaard della Stanford University hanno deciso di risolvere il problema del “tracciamento” senza parti in movimento e, incidentalmente, hanno risolto la seconda sfida del sole: le nuvole.

Utilizzando lenti con strati di dimensioni decrescenti, i ricercatori sono stati in grado di aumentare l’efficienza delle celle solari in condizioni di luce angolata e di diffondere la luce del giorno nuvoloso.

Il loro L’Axially Graded Index Lens, o AGILE, utilizza la diffrazione per focalizzare la luce, a differenza della lente di Fresnel di una lampada faro. Sebbene le lenti graduate riducano la luce diretta e perpendicolare del 10%, aumentano l’angolo e diffondono la luce a sufficienza triplicare efficienza delle celle solari.

Il concetto AGILE è una rivoluzione nel fotovoltaico che consentirà installazioni più piccole, più economiche e molto più efficienti su qualsiasi scala. riducendo impronta ecologica del settore.

Guarda questo spazio.

Comunicato stampa Stanford

techcrunch.com/…

medium.com/…

newatlas.com/…

Leave a Comment