L’autorizzato pubblica sicurezza Uvalde ha dissipato l’presa mitragliare all’aggressore nel tempo in cui aspettava il autorizzazione del supervisore, afferma il riferimento.

Un agente di polizia armato di fucile ha osservato il fucile Massacro della scuola elementare di Uvalde si è diretto verso il campus ma non ha sparato in attesa del permesso di un direttore di sparare, secondo una critica ad ampio raggio pubblicata mercoledì sulla risposta tattica agli omicidi di maggio.

Alcune delle 21 vittime della Robb Elementary School, inclusi 19 bambini, probabilmente “avrebbero potuto essere salvate” il 24 maggio se avessero ricevuto cure mediche prima, e la polizia ha aspettato più di un’ora prima di irrompere nell’aula di quarta elementare. Centro della Texas State University per le situazioni di sparatutto attivi.


L’ultima vittima della sparatoria di Uvalde è stata sepolta

00:21

Il rapporto è ancora disponibile un’altra valutazione schiacciante dell’inerzia della polizia sulle opzioni che avrebbero potuto salvare vite in quella che è diventata la sparatoria scolastica più mortale negli Stati Uniti dal massacro della Sandy Hook Elementary School nel 2012.

“Un ufficiale ragionevole avrebbe valutato questa come una situazione attiva e sviluppato un piano per avvicinarsi al sospetto”, secondo un rapporto pubblicato dal programma di formazione di risposta rapida delle forze dell’ordine avanzate dell’università.

Gli autori del rapporto di 26 pagine hanno affermato che i loro risultati si basavano su video della scuola, telecamere del corpo della polizia, dichiarazioni degli agenti sul posto e dichiarazioni degli investigatori. Tra le loro scoperte:

  • Si è scoperto che durante la sparatoria, nessun agente in attesa nel corridoio ha controllato per assicurarsi che la porta dell’aula fosse chiusa a chiave. Il capo dell’Agenzia di Polizia di Stato del Texas ha anche accusato gli agenti sul posto di non aver controllato la porta.
  • Gli ufficiali avevano “armi (compresi i fucili), giubbotti antiproiettile (che potevano o meno aver fermato i colpi di fucile), addestramento e pezzi di ricambio. Le aule delle vittime non avevano nessuna di queste cose”.
  • Quando gli agenti sono finalmente entrati in classe alle 12:50, più di un’ora dopo l’inizio della sparatoria, non erano meglio preparati ad affrontare l’uomo armato di quanto lo fossero stati.
  • Sembra che una “squadra efficace per gli incidenti” non sia mai stata istituita tra le molteplici forze dell’ordine che hanno risposto alla sparatoria.

L’uomo armato, un uomo di 18 anni con un fucile semiautomatico AR-15, è entrato nell’edificio alle 11:33. Prima di allora, un agente di polizia di Uvalde, la cui identità non è stata rivelata, ha visto un uomo con in mano un fucile. verso l’ingresso occidentale della sala. L’ufficiale ha chiesto al supervisore il permesso di aprire il fuoco, ma il supervisore “non ha sentito o ha reagito troppo tardi”, afferma il rapporto.

Quando l’ufficiale si è girato verso l’uomo armato, era già dentro, secondo il rapporto.


Il capo della polizia di Stato definisce la reazione di Uvaldė un “fallimento insufficiente”

03:37

L’ufficiale era a 148 iarde dalla porta, che si diceva fosse a portata del suo fucile, ed era presumibilmente preoccupato che un colpo errante potesse essere penetrato nella scuola e ferire gli studenti all’interno.

“In definitiva, la decisione di usare la forza letale spetta sempre all’ufficiale che utilizzerà la forza. Se l’ufficiale non era sicuro di poter colpire il bersaglio e il suo passato se l’avesse mancato, non avrebbe dovuto sparare”, afferma il rapporto. leggere

Il rapporto è una delle tante recensioni conoscitive pubblicate dopo la peggiore sparatoria in una scuola nella storia del Texas.

Il comitato, creato dai legislatori del Texas, ha anche intervistato più di 20 persone, compresi gli agenti sul posto, per diverse settimane a porte chiuse. Mercoledì, il comitato ha detto che lo sceriffo della contea di Uvalde Ruben Nolasco si è rifiutato di incontrarli e ha inviato una lettera cercando di confutare la sua testimonianza. Nolasco non ha risposto immediatamente a un’e-mail in cui chiedeva un commento.

Il rapporto segue la testimonianza del mese scorso in cui il direttore del Dipartimento di pubblica sicurezza del Texas, il colonnello Steven McCraw, lo ha detto al Senato dello stato la risposta della polizia è stata “mancato fallimento”. Ha specificamente incolpato Pete Arredondo, dicendo che come comandante della scena, il capo della polizia delle scuole di Uvalde ha preso “decisioni terribili” nell’impedire agli agenti di affrontare prima l’uomo armato.

Arredondo ha cercato di difendere le sue azioni, dicendo al Texas Tribune che non si considerava il comandante incaricato delle operazioni e che credeva che qualcun altro avesse preso il controllo delle azioni delle forze dell’ordine. Ha detto che non aveva radio della polizia e dell’università, ma ha usato il suo telefono cellulare per chiamare equipaggiamento tattico, un cecchino e le chiavi dell’aula.

Secondo la sua dichiarazione rilasciata mercoledì, Arredondo e un altro agente di polizia di Uvalde hanno trascorso 13 minuti nel corridoio di una scuola al momento della sparatoria discutendo di opzioni tattiche, se usare i cecchini e come accedere alle finestre dell’aula.


Il capo della polizia di Uvalde ha rassegnato le dimissioni dal consiglio comunale

00:23

“Hanno anche discusso di chi aveva le chiavi, le chiavi di prova, la probabilità che le porte venissero chiuse e se bambini e insegnanti stessero morendo o morti”, afferma il rapporto.

McCraw ha detto che la polizia aveva abbastanza ufficiali e potenza di fuoco sulla scena della sparatoria alla scuola di Uvalde per arrestare l’uomo armato tre minuti dopo essere entrato nell’edificio e avrebbe trovato la porta dell’aula dove era barricato aperta se si fosse preso la briga di Check It Out.

L’avvocato di Arredondo e un portavoce della Questura di Uvalde non hanno risposto alle richieste di commento. Arredondo è in aspettativa dal lavoro con il Consolidato Distretto Scolastico Indipendente Uvalde e rassegnato le dimissioni da consigliere comunale La settimana scorsa.

I leader della comunità, incluso il governatore del Texas Greg Abbott, inizialmente hanno elogiato la risposta della polizia a Uvalde. Abbott ha detto che gli agenti hanno risposto rapidamente e con “incredibile coraggio” sono corsi verso gli spari per liberare il tiratore, salvando vite umane. In seguito ha detto di essere stato fuorviato.

Nei giorni e nelle settimane successivi alla sparatoria, le autorità hanno fornito resoconti contrastanti e errati di quanto accaduto. Ciò ha portato ad accuse e disaccordi tra le autorità locali.

Martedì, il sindaco di Uvalde Don McLaughlin e il senatore dello stato Roland Gutierrez hanno rilasciato una lettera chiedendo ad Abbott di trasferire l’amministrazione del fondo di assistenza alle vittime dall’ufficio del procuratore locale al Dipartimento per la gestione delle emergenze del Texas. Hanno scritto di aver ricevuto numerose denunce contro il procuratore distrettuale Christina Mitchell Busbee, “compresa la sua incapacità di fornire tempestivamente risorse di risarcimento alle vittime a chi ne ha bisogno”.

Leave a Comment