La spari a Highland Park espone i limiti delle restrizioni sulle armi dell’Illinois

HIGHLAND PARK, Ill. – Lunedì mattina, la senatrice dello stato dell’Illinois Julie Morrison si è seduta sul retro di una decappottabile e ha salutato i partecipanti alla parata del 4 luglio mentre i suoi nipoti camminavano accanto all’auto. Morrison, democratica, ha fatto della lotta alla violenza armata una priorità nella sua carriera legislativa ed è stata una sostenitrice chiave della legge statale “bandiera rossa”, che ha creato un sistema che consente di confiscare armi a persone pericolose.

Poi risuonarono degli spari.

La signora Morrison ha corso per la sicurezza e in seguito ha chiesto come fosse possibile una sparatoria di massa in un luogo con una delle leggi sulle armi più severe del paese. “Ci sono delle lacune?” La signora Morrison ha chiesto mercoledì. “Purtroppo, ora abbiamo la possibilità di dare un’occhiata”.

Il sospettato della sparatoria, il 21enne Robert E. Crimo III, era stato ripetutamente all’attenzione della polizia e, nonostante gli avvertimenti sul suo comportamento inquietante, aveva ottenuto un permesso per le armi e acquistato diverse armi.

Come un giovane che ha inviato segnali inquietanti in Illinois sia riuscito a finire con un fucile semiautomatico è una domanda che ossessiona più dei semplici sopravvissuti alla sparatoria mortale di lunedì nel sobborgo di Highland Park a Chicago. È anche una questione di importanza federale che emergerà in pochi giorni Il presidente Biden ha firmato il disegno di legge la legge sulle armi più significativa approvata negli ultimi decenni.

Poiché i dettagli del passato di Crim hanno continuato a emergere e mercoledì un giudice lo ha ordinato di trattenuto senza cauzione per omicidio, non è chiaro se l’orribile episodio abbia messo in luce i difetti delle restrizioni statali sulle armi o anche i limiti di potenti salvaguardie. un sistema che in definitiva si basa sulle decisioni delle persone: governi, famiglie, osservatori.

La signora Morrison ha riconosciuto che l’efficacia di alcune leggi sulle armi è spesso limitata dalle reazioni delle persone nei loro confronti, incluso il fatto che le persone parlino alle autorità di amici o familiari che hanno mostrato comportamenti inquietanti. “Non so quanto possiamo legittimare la risposta umana; possiamo solo fornire i mezzi”, ha detto.

“È personale”, ha detto. “Sono arrabbiato. E questo deve cambiare.”

Nella sua prima apparizione in tribunale mercoledì, in cui il signor Crimo è apparso in video, il pubblico ministero Ben Dillon è arrivato al punto di descrivere in dettaglio come le autorità affermano che l’attacco di lunedì è avvenuto.

Il signor Dillon ha detto che il signor Crimo ha usato una scala antincendio per arrampicarsi su un tetto nel centro della città durante una parata natalizia. Lì, ha detto Dillon, ha aperto il fuoco, svuotando un caricatore da 30 colpi, sparandone un altro, quindi caricandone un terzo. Gli agenti hanno trovato 83 bossoli di proiettili, ha detto Dillon.

Ore dopo la sparatoria che ha provocato sette morti, le autorità stavano cercando un sospetto. Il vice capo dell’ufficio dello sceriffo della contea di Lake, Christopher Covelli, ha detto che gli investigatori credevano che fosse fuggito a Madison, nel Wisconsin, dopo l’attacco, ma in seguito fosse tornato in Illinois, dove è stato arrestato. Il capo Covelli ha detto che la polizia credeva che il signor Crimo avesse visto la festa a Madison e pensava di usare un secondo fucile che aveva in macchina per lanciare un’altra sparatoria, ma ha deciso di non farlo.

In una conferenza stampa mercoledì, i funzionari della polizia di stato dell’Illinois hanno difeso la loro gestione della domanda di autorizzazione per armi di Crim e hanno rilasciato documenti che lo dimostrano nel 2019 ha detto agli ufficiali di Highland Park che soffriva di depressione e faceva uso di droghe.

Secondo la legge dell’Illinois, le autorità hanno diverse opzioni per intervenire se si ritiene che il proprietario di un’arma rappresenti un rischio pericoloso. Inizia con una domanda per un permesso per armi, noto in Illinois come carta d’identità del proprietario di un’arma da fuoco.

L’applicazione include un lungo elenco di domande su precedenti condanne, test antidroga falliti o recenti ricoveri per malattie mentali. Viene sottoposto alla Polizia di Stato, dove passa attraverso decine di passaggi, compresi i controlli elettronici e manuali delle banche dati nazionali e statali. In qualsiasi momento di questo processo, lo stato può decidere che l’individuo non è idoneo. Tuttavia, la stragrande maggioranza è confermata; secondo Revisore dei conti generale dell’Illinois 2021 rapporto2018 e 2019 meno del 4% di quasi 600.000 domande sono state respinte.

Brendan Kelly, il direttore della polizia di stato dell’Illinois, ha dichiarato mercoledì di ritenere che la sua agenzia abbia fatto la cosa giusta nel gestire le informazioni sul signor Crimo. Non aveva informazioni che avrebbero permesso all’agenzia di negargli un permesso per armi, ha detto il signor Kelly.

La legge che disciplina i mandati autorizza le autorità locali, come la polizia oi funzionari della scuola, a presentare una denuncia alla polizia di stato dell’Illinois indicando che una persona può rappresentare un “pericolo evidente e imminente”. La Polizia di Stato può quindi decidere se la denuncia è sufficiente per cancellare la tessera di quella persona.

Polizia di Highland Park 2019 ha presentato un rapporto di “pericolo chiaro e presente” sul signor Crimo a settembre quando ha sequestrato 16 coltelli, un pugnale e una spada dalla sua casa in risposta alle notizie che aveva minacciato. Suo padre ha detto agli agenti che i coltelli appartenevano a lui e che sono stati restituiti tutti lo stesso giorno, secondo la polizia di stato. Era la seconda volta in quell’anno che la polizia rispondeva alle notizie sul comportamento del signor Crim; il primo riguardava la denuncia di un tentativo di suicidio.

Ma il sovrintendente della polizia di stato Kelly ha affermato che il rapporto di Highland Park non ha soddisfatto la soglia legale per determinare che il signor Crimo, che ha negato agli agenti qualsiasi intenzione di danneggiare se stesso o gli altri, rappresentasse un pericolo chiaro e presente.

Il signor Kelly ha affermato che le leggi sulle armi non funzionano solo contro le forze dell’ordine, ma anche contro la vigilanza e la sorveglianza di familiari e amici.

“Dipende davvero dalle persone che potrebbero essere più vicine alla persona interessata, dalla persona che potrebbe essere una minaccia per se stessa o dalla persona che potrebbe essere una minaccia per gli altri”, ha affermato Kelly.

Secondo la politica dell’epoca, Kelly ha detto che lo stato non avrebbe ancora avuto una copia di quel rapporto della polizia di Highland Park quando il signor Crimo ha cercato una carta d’identità per armi da fuoco tre mesi dopo con il sostegno di suo padre. Era esente da condanne penali, ordini restrittivi, ricoveri psichiatrici e designazioni di “pericolo chiaro e presente” quando faceva domanda per un permesso per armi. È stato approvato.

Fino al 2020 Ha comprato diverse pistole alla fine degli anni ’90, tra cui un fucile semiautomatico Smith & Wesson che la polizia dice sia stato usato nell’attacco di lunedì e un altro fucile trovato nella sua auto quando è stato arrestato.

Le autorità non hanno detto ciò che ritengono possa aver motivato l’attacco, ma hanno affermato di non avere motivo di credere che sia stato motivato da odio razziale o religioso.

Alcuni nella grande comunità ebraica di Highland Park hanno affermato di aver riconosciuto l’accusato. Martin Blumenthal, responsabile della sicurezza presso la sinagoga di Lubavitch Chabad nella periferia settentrionale della città, ha affermato di aver cancellato l’uomo dal servizio pasquale di quest’anno.

Rendendosi conto che il suo aspetto era sospetto, ha detto il signor Blumenthal, a un certo punto durante il servizio si è segretamente inginocchiato e ha allungato una mano sotto il sedile dell’uomo per dare una pacca al suo piccolo zaino. Non sembrava contenere armi, ha detto Blumenthal.

Ha detto che ora è convinto che l’uomo sia andato alla sinagoga per ricercarla come possibile bersaglio. “Ha decisamente rifiutato questo posto”, ha detto il signor Blumenthal.

I pubblici ministeri hanno rifiutato di dire mercoledì se stavano prendendo in considerazione le accuse contro i familiari del sospetto. Steven Greenberg, un avvocato che rappresenta il padre, ha riconosciuto che il suo cliente ha sostenuto la richiesta di suo figlio per un permesso per armi, ma ha detto che il padre non credeva che ci fosse un problema e potrebbe non aver compreso appieno cosa è successo durante una visita della polizia nel 2019 quando gli agenti hanno confiscato i coltelli. da suo figlio.

Presentare un rapporto di “pericolo chiaro e presente” non è stata l’unica volta negli ultimi tre anni in cui l’intenzione di un sospetto di acquistare e portare una pistola avrebbe potuto essere contrastata.

nel 2019 Il Firearms Restriction Act dello stato, sostenuto da Morrison e spesso indicato come una legge bandiera rossa, è entrato in vigore, consentendo alla polizia di confiscare armi da fuoco se un giudice determina che il proprietario dell’arma “presenta un pericolo immediato e presente di lesioni a se stesso, a se stessa o a un altro .” Speak Up for Safety in Illinois, un gruppo di difesa, ha scoperto che solo 53 ordini restrittivi delle armi sono stati depositati nei primi due anni di legge, quasi la metà in una contea suburbana di Chicago.

Non vi è alcuna indicazione che un ordine restrittivo delle armi sia mai stato richiesto nel caso del signor Crim, nonostante il suo comportamento inquietante. Questa è una delle realtà complesse della legislazione sulla sicurezza pubblica: le leggi della bandiera rossa entrano in gioco solo quando qualcuno nelle vicinanze di un proprietario di armi potenzialmente pericoloso cerca un ordine.

“Questo è stato un caso da manuale di una legge bandiera rossa che non è stata utilizzata”, ha affermato John Feinblatt, presidente di Everytown for Gun Safety, che ha chiesto leggi più severe sulle armi. “C’era uno strumento di legge bandiera rossa e nessuno lo ha tirato fuori dalla scatola.

I messaggi hanno contribuito ha chiarito Roberto, Adam Goldman, Michele Levenson, Glenn Tordo e Lukas Vander Ploeg.

Leave a Comment