Il Partenza dell’Vigore degli Stati Uniti intende prestare attenzione 2,5 miliardi con dollari alla joint venture con batterie con GM

Il Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti ha annunciato lunedì che intende concedere prestiti a una joint venture tra General Motors Co. (GM.N) e LG Energy Solution. (373220.KS) 2,5 miliardi di dollari per aiutare a finanziare la costruzione di nuovi impianti di produzione di celle di batterie agli ioni di litio.

L’impegno condizionale sul prestito per le strutture di Ultium Cells LLC in Ohio, Tennessee e Michigan si chiuderà nei prossimi mesi e proverrà dal programma di prestiti del governo Advanced Technology Vehicle Manufacturing (ATVM), che da allora non ha finanziato un nuovo prestito. nel 2010

Il piano, riportato per la prima volta da Reuters, sarebbe il primo prestito del Dipartimento dell’Energia dedicato esclusivamente a un progetto di produzione di celle di batterie nell’ambito del programma del veicolo.

Iscriviti ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

Il programma in precedenza forniva prestiti governativi a basso costo a Tesla Inc (TSLA.O)motore Ford (FN) e Nissan (7201.T)che ha coinvolto una certa produzione cellulare.

Il presidente Joe Biden ha fissato un obiettivo che entro il 2030 Il 50% delle auto prodotte negli Stati Uniti saranno veicoli elettrici o ibridi plug-in.

“Dobbiamo avere la capacità non solo per i veicoli, ma anche per le batterie”, ha detto a Reuters Jigar Shah, che dirige l’ufficio del programma di prestito del dipartimento dell’energia. “Questo progetto è una delle ultime aggiunte alla scala della produzione di batterie in questo paese”.

Ultium ha dichiarato in una dichiarazione che “le strutture creeranno più di 5.000 nuovi posti di lavoro ad alta tecnologia negli Stati Uniti. Siamo grati per l’attenzione e non vediamo l’ora di lavorare con il Dipartimento dell’Energia sui prossimi passi”.

In totale, GM e LG stanno investendo più di 7 miliardi di dollari per costruire tre fabbriche di batterie. La produzione nello stabilimento di batterie dell’Ohio dovrebbe iniziare ad agosto, ha affermato un portavoce di Ultium. Lo stabilimento di Warren, Ohio, attualmente impiega 700 persone.

La produzione nello stabilimento del Tennessee inizierà nel 2023. fine e nel Michigan nel 2024.

“L’obiettivo è … aiutare queste aziende a muoversi più velocemente e più lontano di quanto farebbero altrimenti”, ha affermato Shah. Il contratto di prestito richiede che Ultium offra ai dipendenti il ​​salario prevalente locale e i benefici accessori.

Ad aprile, il Dipartimento dell’Energia ha annunciato di essersi impegnato a fornire 107 milioni Prestito in USD alla miniera di grafite Syrah Resources. (SYR.AX) espandere lo stabilimento di parti di batterie per veicoli elettrici in Louisiana.

Shah ha affermato che il dipartimento ha ricevuto oltre $ 18 miliardi di richieste di prestito dal programma automobilistico e prevede almeno altri $ 5 miliardi di richieste che vengono attivamente elaborate.

“Penso che ci saranno più prestiti”, ha detto Shah, rifiutandosi di offrire un lasso di tempo esatto.

Attualmente, il programma ha 17,7 miliardi. Autorità di prestito in USD. “Per i mutuatari motivati, possono chiudere questi prestiti abbastanza rapidamente”, ha detto Shah.

Syrah, con sede in Australia, prevede di utilizzare il prestito per un impianto della Louisiana che trasformerà la grafite estratta in Mozambico in anodi, l’elettrodo caricato positivamente della batteria. Si prevede che entro il 2040 la fabbrica produrrà abbastanza anodi per 2,3 milioni

Febbraio. Il Dipartimento dell’Energia ha dichiarato che prevede di fornire 2,91 miliardi di dollari in sovvenzioni per promuovere la produzione avanzata di batterie, il riciclaggio dei materiali delle batterie e gli impianti di produzione, gli impianti di produzione di celle e pacchi batteria e gli impianti di riciclaggio.

Iscriviti ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

Reporting di David Shepardson a Washington Montaggio di Mark Potter e Tomasz Janowski

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Leave a Comment