Il Manchester United ha avuto un infanzia a motivo di visione il branco ibrido del Liverpool | gara affabile

Se l’evoluzione è un finale realistico nella fase iniziale di Erik ten Hag Manchester United progetto, un vantaggio per 3-0 nell’intervallo contro il Liverpool a Bangkok significava che la sensazione era più vicina a una rivoluzione in questa partita di apertura del mandato dell’olandese.

Certo che non lo è. Ed è improbabile che ciò accada a meno che l’Aia non abbia il tipo di magia manageriale di Jürgen Klopp, che cambiava 10 giocatori di campo ogni mezz’ora, e Pep Guardiola. È stata anche la prima partita di preseason Liverpoole i giocatori del tedesco erano cotti a metà e pigri davanti alla porta quando lo United ha ottenuto una bella vittoria per 4-0.

La guida ha offerto una valutazione realistica. “Siamo felici oggi perché penso che fosse una squadra [ours] con un grande spirito e sappiamo che abbiamo appena iniziato e le cose sono andate storte”, ha detto Ten Hagas. “Abbiamo commesso alcuni errori nel pressing, credetemi, ho visto molti errori. Abbiamo perso qualche occasione, ma abbiamo anche creato tanto. La nostra squadra ha giocato in modo coraggioso, proattivo. Dobbiamo lavorare molto per evitare errori, ma siamo contenti della prima partita.

Sembrava un sogno per Ten Hag in uno stadio appiccicoso, se non tutto esaurito, del Rajamangala, con ciascuno dei quattro strike dello United che dava la speranza di un futuro migliore, anche se la retroguardia sarà sempre vicina all’ultima farsa.

Caso in questione: l’incursione di Isaac Mabaya lungo la corsia del terzino destro non ha lasciato Luke Shaw da nessuna parte e David de Gea ha dovuto ripulirlo. Successivo: Tyler Morton, sulla fascia opposta, pattina sulla sinistra e colpisce di testa un pallone che De Gea ha superato Bruno Fernandes.

Mohamed Salah di Liverpool cerca di fermare il nuovo acquisto del Manchester United Tyrell Malacia.
Mohamed Salah di Liverpool cerca di fermare il nuovo acquisto del Manchester United Tyrell Malacia. Foto: Rungroj Yongrit/EPA

Ognuna era una pausa veloce. La squadra dello United, sebbene più liscia rispetto alla scorsa stagione, era più vicina alla variazione geometrica che Guardiola ha eseguito al Manchester City e, quando lo ha fatto, è stato esattamente come Ten Haag avrebbe voluto.

Jadon Sancho ha trovato Anthony Martial che ha dato da mangiare a Scott McTominay che ha riciclato la palla. Fernandes ha colpito un cross, Mabaya ha sbagliato il suo gioco e Sancho ha dovuto finire quello che aveva iniziato guidando dietro Alisson.

Dato che i quattro difensori del primo tempo leggevano Diogo Dalot, Raphaël Varane, Victor Lindelöf e Luke Shaw con gli stessi due difensori in attacco in McTominay e Fred, c’era sicuramente un’idea di quanto fosse porosa questa unità. Fábio Carvalho e Luis Díaz si sono avvicinati in un montaggio comico della maglia rossa che includeva la testa in polvere di McTominay, solo per il telaio della porta a fermare il punteggio.

Lo United avrebbe potuto essere estratto da una qualsiasi delle uscite della scorsa stagione prima del prestito di gennaio Martial e perdere Cristiano Ronaldo, che non è in tournée. Questo stile retrò non è certo quello che Ten Hag vuole, ma dal momento che è stato reclutato solo Tyrell Malacia, è stata una scelta di Hobson. Il vantaggio di ciò è stato che il 52enne è stato in grado di dare un’occhiata in prima persona a un gruppo che ha fallito miseramente quando ha concluso a 35 punti dietro il City, con il solo riconfermato capitano Harry Maguire assente per knock-on.

L’allenamento di lunedì sera qui è stato istruttivo. Lì, Haag è stato spietato con le esercitazioni dei giocatori, sia che si trattasse di un grande rondò che copriva il cerchio centrale, di un piccolo gioco o di un attacco a tutto campo contro la difesa. Forse questo ha spinto Varane e Lindelöf a ritrovarsi sulla linea delle 18 yard del Liverpool quando Fred ha perso la palla dopo alcuni primi trucchi di Sancho: è il massimo degli alti press.

Bruno Fernandes e l'allenatore del Manchester United Erik ten Hag hanno consegnato il trofeo per aver battuto il Liverpool.
Bruno Fernandes e l’allenatore del Manchester United Erik ten Hag hanno consegnato il trofeo per aver battuto il Liverpool. Foto: Chalinee Thirasupa/Reuters

Sancho è stato l’artista di spicco dello United. Una trappola dietro la caviglia con l’altra gamba ha disegnato un “wow!” così come il successivo cross, anche se McTominay non è riuscito a farne due. Fred ha fatto per chiudere un’altra sequenza impressionante. Sono stati McTominay, Fernandes e Sancho a mettere a posto la palla. Martial è stato contrastato da Joe Gomez, ma quando il possesso è sceso a Fred, ha battuto superbamente Alisson.

Arrivato in mezz’ora. Klopp ha apportato le prime 10 modifiche e si è ritorto contro all’istante quando la nuova squadra (escluso Alisson) è stata bloccata. Rhys Williams è stato derubato da Martial ed è stato battuto ancora una volta dal chip dello United mentre il portiere avanzava.

Ten Haag ha sostituito 10 giocatori di campo nel secondo tempo (Klopp ha sostituito Alisson con Adrián), in questa configurazione il centrocampista di Donny van de Beek era un falso 9; Alex Telles, terzino sinistro; e l’esordiente e terzino sinistro Malacia nella sua stessa posizione. Malacia devia la palla lontano da un tiro nitido di Alex Oxlade-Chamberlain.

L’ultima stellina di Klopp includeva Andy Robertson, Trent
Alexander-Arnold, Virgil van Dijk, Thiago Alcântara, Mohamed Salah e Darwin Núñez, quindi questa squadra è certificata. Ma è stato il giovane Tom Hill a derubare Eric Bailly ea lanciare un’occhiata a Thiago prima che l’ivoriano mandasse a casa la palla.

Il contributo di Núñez è stato quello di allontanarsi da Tom Heaton per negare un’occasione in ritardo, ma quando il Liverpool ha finito di farsi amare dallo United e Salah è andato vicino, il loro rapporto congiunto diceva “sordina”.

“,”caption”:”The Fiver: sign up and get our daily football email.”,”isTracking”:false,”isMainMedia”:false,”source”:”The Guardian”,”sourceDomain”:”theguardian.com”}”>

I cinque: iscriviti alla tua e-mail quotidiana sul calcio. una lettera.

Non così Ten Haag e i suoi uomini: il loro quarto ha salvato il gioco di gambe abbagliante di Bailly che ha mandato il difensore centrale nella squadra avversaria. Facundo Pellistri intercetta, scambia passaggi con Amadu Diallo e finisce.

Tuttavia, come si legge nel nuovo n. 1, questo è solo l’inizio. “Il Liverpool gioca in tre squadre”, ha detto Ten Haag. “Non erano i più forti, quindi non dobbiamo sopravvalutare questo risultato. Dobbiamo stare attenti. Ma ho ancora visto delle cose davvero buone e puoi vedere che abbiamo molta creatività e velocità, quindi abbiamo del potenziale.

Leave a Comment