Il dispersione normale durante avocado è membro a una meglio varietà nutrizionale e a un colesterolo LDL oltre vile

Secondo un nuovo studio, mangiare un avocado al giorno per sei mesi non ha avuto alcun effetto sul grasso della pancia, sul grasso del fegato o sulla circonferenza della vita nelle persone in sovrappeso o obese. Tuttavia, ha portato a una leggera diminuzione del colesterolo malsano.

Nello studio randomizzato, il team, che includeva ricercatori della Penn State, ha anche scoperto che i partecipanti che hanno mangiato avocado avevano diete di migliore qualità durante il periodo di studio.

Mentre precedenti studi più piccoli hanno trovato associazioni tra il consumo di avocado e la riduzione del peso corporeo, l’IMC e la circonferenza della vita, questo è stato lo studio più ampio e completo fino ad oggi sugli effetti sulla salute degli avocado, incluso un gran numero di partecipanti e la durata del tempo. periodo di studio.

Sebbene gli avocado non abbiano influenzato il grasso della pancia o l’aumento di peso, lo studio suggerisce ancora che gli avocado possono essere un’utile aggiunta a una dieta equilibrata. Includere un avocado al giorno in questo studio non ha portato ad un aumento di peso e ha anche ridotto leggermente il colesterolo LDL, che sono risultati importanti per una migliore salute.

Penny Kris-Etherton, Evan Pugh University Professor of Nutritional Sciences presso Penn State

Kristina Petersen, professoressa associata di scienze nutrizionali alla Texas Tech University, ha affermato che lo studio ha anche dimostrato che il consumo quotidiano di avocado migliora la qualità nutrizionale complessiva dei partecipanti di otto punti su una scala di 100 punti.

“L’aderenza alle linee guida dietetiche per gli americani è generalmente scarsa negli Stati Uniti e i nostri risultati suggeriscono che mangiare un avocado al giorno può migliorare significativamente la qualità generale della dieta”, ha affermato Petersen. “Questo è importante perché sappiamo che una maggiore qualità della dieta è associata a un minor rischio di diverse malattie, tra cui malattie cardiache, diabete di tipo 2 e alcuni tipi di cancro”.

Uno studio pubblicato di recente Giornale dell’American Heart Association – è stato condotto in collaborazione con la Loma Linda University, la Tufts University e l’UCLA, con il coordinamento della Wake Forest University.

Nello studio, i ricercatori hanno condotto un esperimento di sei mesi con più di 1.000 partecipanti in sovrappeso o obesi, metà dei quali è stato incaricato di mangiare un avocado ogni giorno, mentre l’altra metà è stata istruita a seguire una dieta normale e gli è stato detto di limitarne il consumo. di avocado a meno. di due al mese. Il grasso nell’addome e intorno ad altri organi è stato accuratamente misurato utilizzando la risonanza magnetica prima e dopo lo studio.

“Sebbene un avocado al giorno non abbia portato a miglioramenti clinicamente significativi del grasso addominale e di altri fattori di rischio cardiometabolico, il consumo di un avocado al giorno non ha aumentato il peso corporeo”, ha affermato Joan Sabaté, professore presso la Loma Linda University School of Public Health. “Questo è positivo perché mangiare calorie extra dagli avocado non influisce sul peso corporeo o sul grasso della pancia e abbassa leggermente il colesterolo totale e LDL”.

Hanno anche scoperto che il consumo quotidiano di avocado riduce il colesterolo totale di 2,9 milligrammi per decilitro (mg/dl) e il colesterolo LDL di 2,5 mg/dl.

I ricercatori hanno affermato che continueranno ad analizzare i dati dello studio in futuro. Ad esempio, ai partecipanti non è stato insegnato come mangiare avocado ogni giorno e studi futuri potrebbero esaminare come i partecipanti hanno incorporato gli avocado nella loro dieta e vedere se ci sono differenze nei risultati in base al modo in cui i partecipanti hanno mangiato gli avocado.

Fonte:

Link al giornale:

Liechtenstein, AH eccetera. (2022) Effetti di 1 avocado al giorno rispetto a una dieta normale sull’adiposità viscerale: uno studio randomizzato. Giornale dell’American Heart Association. doi.org/10.1161/JAHA.122.025657.

Leave a Comment