I bambini, pure all’ in 12 età, lavoravano quanto a unito attrezzature in peculiarità della Hyundai quanto a Alabama, afferma il attinenza

Accanto allo stabilimento di ricambi auto SMART Alabama, LLC e filiale di Hyundai Motor Co. a Luverne, Alabama, USA, 2022.  il 14 luglio c'è un segno di benvenuto.

Un cartello di benvenuto si trova accanto allo stabilimento di ricambi auto SMART Alabama, LLC a LuverneJoshua Schneyer/REUTERS

  • Secondo Reuters, è stato riferito che bambini di appena 12 anni lavoravano in una fabbrica in Alabama.

  • La denuncia è stata presentata dopo che una ragazza migrante che lavorava in fabbrica è scomparsa.

  • Un ex lavoratore ha detto a Reuters che la fabbrica farà affidamento sui lavoratori migranti per tenere il passo con la forte domanda.

Secondo un rapporto pubblicato venerdì, i lavoratori minorenni lavoravano in uno stabilimento di forniture di proprietà della Hyundai in Alabama. Reuters.

I dodicenni hanno lavorato presso l’impianto di stampaggio metalli di SMART a Luverne, in Alabama, che fornisce parti alla catena di montaggio di Hyundai nella vicina Montgomery, riferisce Reuters.

L’agenzia di stampa ha riferito di aver appreso del lavoro minorile dopo che una migrante guatemalteca è scomparsa brevemente dalla casa della sua famiglia in Alabama a febbraio.

Poco dopo, il padre della ragazza di 14 anni, Pedro Tzi, ha confermato alla Reuters che lei ei suoi due fratelli, di 12 e 15 anni, non frequentavano la scuola né lavoravano in fabbrica.

Secondo i rapporti della Reuters, i figli di Tzi facevano parte di un gruppo più ampio di minori che lavoravano in fabbrica, aggiungendo che alcuni di loro avevano abbandonato la scuola e avevano lavorato a lungo turni in fabbrica.

Molti dei minori che lavorano nello stabilimento sono stati assunti tramite agenzie di reclutamento, secondo gli attuali ed ex dipendenti SMART e reclutatori locali che hanno parlato con Reuters.

Tabatha Moultry, 39 anni, ex dipendente SMART, ha detto a Reuters che la fabbrica faceva affidamento sui lavoratori migranti per soddisfare l’elevata domanda e ha ricordato di aver lavorato con una ragazza migrante che “sembrava 11 o 12 anni”.

“Era troppo giovane per lavorare in quella fabbrica o in qualsiasi altra fabbrica”, ha detto Moutry a Reuters.

Un altro ex dipendente ha detto a Reuters che nella struttura c’erano circa 50 lavoratori minorenni.

In una dichiarazione a Reuters, Hyundai ha affermato di “non tollerare pratiche di reclutamento illegale in nessuna società Hyundai. Abbiamo politiche e procedure che richiedono il rispetto di tutte le leggi locali, statali e federali”.

In una dichiarazione separata, SMART ha detto a Reuters che l’impianto “nega qualsiasi accusa di aver impiegato consapevolmente chiunque non fosse occupabile”, aggiungendo che richiedeva “a queste agenzie di rispettare la legge durante il reclutamento, l’assunzione e l’alloggio dei lavoratori nei suoi locali”.

“Ora è tutto finito”, ha detto il padre a Reuters, “i bambini non lavorano e in autunno andranno a scuola”.

SMART non ha risposto immediatamente alla richiesta di commento di Insider.

Leggi l’articolo originale su Insider

Leave a Comment